Idee creative per la tua azienda

Come aumentare le vendite ispirandosi ai grandi brand

Le idee presentate in questa pagina sono semplici ma molto efficaci. Ti consigliamo di prendere spunto dal marketing dei grandi brand, al fine di aumentare le vendite del tuo negozio o della tua attività.

Scegli la categoria e scorri per visualizzare le idee:
Vendere con creatività
Comunicare con le immagini
BRAND E rebranding
Real-time Marketing

Devely

Devely è passata dall’utilizzare un packaging asettico e informativo ad uno in cui vengono raffigurati i Minions di Cattivissimo Me. 

Ecco come quest’azienda è riuscita a cambiare il suo target di riferimento passando dagli adulti ai bambini. La comunicazione del nuovo packaging: 

“Fai felici i tuoi figli, acquista Maionese Devely Minioins, tutti li amano e tutti li vogliono” e ancora “Gira voce che i Minions siano in città per una nuova missione, dal gusto sorprendente. Guardatevi attorno, state accorti: i simpatici piccoletti gialli sono in agguato!”. 

Questa è stata una strategia vincente, infatti questo tipo di prodotti vengono acquistati dai genitori per i propri figli (a cui solitamente non interessa la marca). In questo caso però, grazie all’introduzione dei protagonisti del film, proprio i bimbi hanno iniziato a chiedere ai genitori di acquistare la Maionese dei Minions.

Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nestlé: Vera

Esiste un’azienda che non vorrebbe aumentare le vendite o incrementare i guadagni? Non penso, ma scegliere di abbassare il prezzo non è sempre una mossa intelligente, anzi, molto spesso la creatività e l’originalità ripagano di più.

Ecco cosa ha ideato Nestlè per riuscire ad aumentare le vendite. Si tratta di edizioni speciali dedicate ai bambini e non solo. Con l’edizione “emoji” appariva sullo scaffale la scritta “Come ti senti oggi? Condividi la tua emoji”. Le persone venivano portate ad acquistarne più di un tipo (ad esempio una con una faccina contenta, una arrabbiata, una triste ecc.) così da poter scegliere quella più adatta alla giornata. Nestlè ha proposto un nuovo modo di comunicare con colleghi e amici. Un’idea semplice ma geniale.

Questo è anche un buon esempio di packaging creativo e simpatico, sicuramente in grado di attirare l’attenzione (soprattutto dei più piccoli) tra le monotone corsie del supermercato.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nestlé: Vera

Ecco un esempio di packaging creativo la cui realizzazione ha anche fini ambientali. Si tratta di una special edition delle bottigliette di acqua Nestlé Vera ed è stata realizzata in collaborazione con National Geographic. 

Insieme a queste bottigliette così graziose appare la scritta “Diventa un eroe del pianeta: RICICLA!”. L’obiettivo è quello di spingere le persone a non inquinare l’ambiente con la plastica e quindi gli si chiede di evitare l’usa e getta riutilizzando la bottiglietta per qualche giorno. 

Si tratta di un’idea molto originale e intelligente, che aiuta a sensibilizzare le persone riguardo al sempre più grande problema dell’inquinamento delle acque.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nestlé: Nesquik

Nesquik si è inventata una buona strategia per vendere il proprio prodotto in modo giocoso. Nella corsia del supermercato, di fronte allo scaffale in cui era posto il prodotto è stata realizzata una grafica che rappresentava il gioco “campana”, quello in cui i bambini saltellano su di un piede o due in base delle caselle. 

In questo modo, i bambini si mettevano spontaneamente a giocare e quando finivano, trovandosi davanti al prodotto, erano invogliati a metterlo nel carrello.

Questa è una strategia molto originale per spingere le persone ad acquistare il proprio prodotto., facendo leva soprattutto sui bambini (già target di riferimento di questa azienda).
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Ricola

Ricola ha proposto questo packaging per le sue caramelle e si è aggiudicata l’oro per il Package Design al London International Awards. 

Srotolando la caramella si libera la gola dell’omino disegnato. Sopra compare la scritta “Unwrap your voice”, ovvero “Scarta la tua voce”. 

Idea geniale.

Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Sephora

La soluzione pensata da Sephora per comunicare senza parlare. 

Quando si va in questo negozio, molto spesso accade che non si voglia essere disturbati dai commessi che cercano di aiutarci a scegliere la soluzione più adatta a noi. Altrettante volte però, si finisce per innervosirsi mentre si aspetta di essere aiutati. 

Per migliorare l’esperienza dei clienti in negozio, Sephora ha deciso di introdurre cestini di due colori: uno nero per le persone che vogliono gestire da sole la loro permanenza in negozio, e rosso per le clienti che invece vogliono essere aiutate nella scelta.

Ecco un esempio di idea geniale per riuscire a comunicare senza neanche dover usare una sola parola.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Poilu

Se non puoi vendere un prodotto speciale e diverso dagli standard del mercato, allora devi necessariamente intervenire sul packaging per far si che il tuo prodotto balzi all'occhio delle persone. 

Ecco la soluzione inventata da quest’azienda di pennelli, che ha pensato di utilizzare le setole come barba o capelli di un uomo. Sicuramente non si tratta di un packaging appariscente, ma quando ci si sofferma a guardarlo è molto simpatico.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Good Hair Day Pasta

Il packaging di un prodotto fa la differenza, specialmente se si parla di una categoria molto competitiva. Diventa quindi essenziale fare in modo che il prodotto si distingua già dal suo packaging. 

Ecco la soluzione pensata da questa marca per rappresentare i diversi tipi di pasta. Gli spaghetti, ad esempio, rappresentano dei capelli lisci. Anche in questo caso si tratta di una strategia molto originale per essere notati sullo scaffale.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Bavaria

In-store marketing, significa fare marketing all'interno di un supermercato, ad esempio con una disposizione originale del proprio prodotto.

Ecco cosa ha pensato Bavaria per catturare l'attenzione della clientela e vendergli la propria birra, servendosi di una tematica interessante per molte persone: il calcio.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Noble Rey Brewing Co.

Up Selling, significa riuscire ad aumentare la quantità di prodotto venduta. Questa marca di birra si è inventata questo packaging per riuscire ad aumentare le vendite del suo prodotto. 

Infatti, sulla lattina è stato realizzato il corpo di alcuni personaggi con l’intento di portare le persobe ad acquistarne più di una (al fine di completare il corpo del personaggio).
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Bathing Bad

Le serie Tv sono sempre una buona idea quando si punta sulla creatività. Negli ultimi anni, soprattutto grazie a Netflix, hanno spopolato in tutto il mondo. Le serie Tv più famose rappresentano un ottimo aggancio per comunicare con un determinato pubblico. 

Ecco come quest’azienda ha pensato di vendere i propri sali da bagno rifacendosi alla famosa serie Tv Breaking Bad.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

ASOS

Aumentare le vendite senza toccare il prezzo? Ecco come trasformare un errore in limited edition.

ASOS, l’e-commerce internazionale, ha stampato 17 mila buste brandizzate con un errore: “onilne” invece di “online”. L’azienda ha pubblicato un tweet per sottolineare l’errore trasformando questi sacchetti in limited edition. I clienti, incuriositi dall’accaduto e desiderosi di ricevere la busta sbagliata, hanno fomentato l’accaduto rendendo la limited edition ancora più speciale. 

Grazie alla grande capacità di problem solving il colosso del mercato ne è uscito a testa alta.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

National Geographic e WWF

Uno degli errori più diffusi nell’utilizzo delle immagini per veicolare implicitamente messaggi importanti, è quello di creare immagini “solo” belle da vedere e non realmente significative. 

Ecco, questo non è assolutamente il caso delle immagini realizzate da National Geographic e WWF per sensibilizzare le persone sul problema della plastica nei mari in occasione della giornata mondiale dell’ambiente. 

Queste immagini infatti sono molto impattanti e suscitano fin da subito delle sensazioni negative e un senso di colpa. Questo è un esempio di comunicazione efficace.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

McDonald's

Oggi viviamo nella società delle immagini in cui la comunicazione sembra passare più attraverso foto e immagini, che attraverso le parole. Una semplice rappresentazione grafica ci permette di codificare un messaggio. 

Proprio per questo motivo McDonald’s nella sua pubblicità “Wi-Fries”, ha utilizzato le patatine, un suo prodotto caratteristico, per rappresentare il simbolo del Wi-Fi. Ancora prima di capire che si tratta di patatine fritte, siamo portati ad individuare l’icona del Wi-Fi e solo grazie all’associazione con McDonald capiamo che si tratta di patatine. 

In questo modo l’azienda è riuscita a comunicare che nei suoi punti vendita è possibile usufruire gratuitamente di questo servizio.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nikol

Le immagini sono un linguaggio efficace e immediato, permettono di raggiungere il massimo effetto comunicativo nel più breve tempo possibile.

Ecco come Nikol, un’azienda che produce carta assorbente, comunica il potere di assorbenza del suo prodotto senza dover ricorrere all'utilizzo delle parole.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Oreo

Oreo ha voluto pubblicizzare i suoi nuovi biscotti con doppia crema al latte con questa immagine. 

Rende l’idea vero? Con una bella immagine tutto può essere immediatamente più chiaro.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nivea

Le immagini ci permettono di comunicare in modo molto più veloce e istantaneo un messaggio. 

Ecco la pubblicità di Nivea per pubblicizzare la sua linea di creme solari. Geniale vero?
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Tempo

Le immagini oggi rappresentano un “nuovo” testo. Sono un paradigma comunicativo che permette di veicolare i messaggi in modo molto più veloce e intuitivo. 

Questa è la pubblicità di un’azienda che produce carta assorbente. Il suo prodotto è così potente da riuscire ad assorbire anche l’inchiostro del tatuaggio del ragazzo.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Coracao do Brasil

Riuscire a trasmettere un messaggio con un’immagine significa rappresentare in modo metaforico il prodotto di un’azienda. 

Ecco come Coracao do Brasil, un’azienda brasiliana che produce caffè, ha voluto rappresentare la potenza del suo caffè. È stato sufficiente girare il manico della caffettiera per alludere ad un braccio muscoloso (metafora di forza).
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Red Bull

“Un’immagine vale più di mille parole”. Una frase tanto scontata quanto veritiera. 

Ecco la pubblicità di RedBull per comunicare il potere di ricarica del suo energy drink. Che cosa più delle pile riesce a trasmettere questo significato? Semplicemente geniale!
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nivea

Nivea ha utilizzato questa immagine per pubblicizzare la sua crema notte. A prima vista ci sembra di vedere uno spicchio di luna ed è proprio questa similitudine a rendere la sua comunicazione efficace. 

È importante che le immagini riescano ad evocare delle sensazioni per riuscire a comunicare efficacemente.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Surfrider Fundation

Oggi giorno le immagini sono al centro della comunicazione e grazie al web il loro potere aumenta. Molto spesso si utilizzano immagini provocatorie o suggestive per chiamare le persone all’azione. 

Ecco come Surfrider Fundation, un’associazione per la tutela degli oceani, ha voluto rappresentare il problema dell’inquinamento delle acque. “Quello che finisce nell’oceano finisce in te”.

Puntando sull’emotività è possibile veicolare la gravità del fenomeno in modo molto più forte.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Chupa Chups

Il potere delle immagini sta nel comunicare un messaggio senza bisogno di utilizzare parole. Saper comunicare efficacemente significa studiare immagini d’effetto e immediatamente comprensibili. 

Ecco come Chupa Chups ha voluto rappresentare in modo molto intelligente un prodotto senza zuccheri.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Avis

Saper comunicare significa riuscire a trasmettere un messaggio in modo chiaro e semplice. Ecco la comunicazione provocatoria scelta da Avis per incitare le persone a donare il sangue. “Certi gesti si fanno”. 

Vedere un cartellone pubblicitario in cui c’è una persona che guardandoti ti fa un gestaccio avrà sicuramente attirato tua attenzione (anche solo qui su Facebook).
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Surfrider Fundation

Dopo l’immagine del sushi in plastica, ecco un altro esempio di comunicazione di Surfrider Fundation per sensibilizzare le persone al problema della plastica nell’oceano.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Pepsi e Coca-Cola

Ecco un botta e risposta avvenuto sui social che risale ad Halloween di qualche anno fa. 

Da un lato abbiamo la provocazione di Pepsi, che traveste la sua lattina con un costume Coca Cola e scrive: “Ti auguriamo un Halloween terrificante”.

Dall’altro vediamo la risposta di Coca Cola, che semplicemente cambiando la frase soprastante riutilizza l’immagine a suo favore: “Tutti vogliono essere eroi”.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Google

Nell'immagine viene rappresentata l’evoluzione del marchio Google negli anni. Si tratta di operazioni di continuo restyling del brand per mantenerlo aggiornato e al passo con i tempi.

I miglioramenti intervengono sulla grafica, sullo stile o sul font al fine di svecchiarlo. Per evitare di confondere i consumatori è fondamentale mantenere coerenza e continuità tra il marchio precedente e quello successivo.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Volkswagen

Ecco come è cambiato il marchio Volkswagen nel tempo. 

Per rimanere aggiornata e al passo con i tempi l’azienda ha attuato strategie di rebranding e restyling. Dal 1937 al 1967 infatti, il marchio ha subito grossi cambiamenti, si tratta di operazioni di rebranding. Negli anni successivi invece, le modifiche sono state solo lievi ed hanno riguardato principalmente il colore utilizzato (che è stato introdotto nel 1967).
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nivea

Nell'immagine viene riportata l’evoluzione del marchio Nivea. Il marchio utilizzato oggi è molto diverso da quello in uso agli inizi del secolo scorso. Nivea infatti è un’azienda che esiste da molto tempo e si è dovuta adattare e aggiornare molte volte. 

Dall'immagine riscontriamo dei cambiamenti significativi ed altri più lievi. Si tratta di operazioni di restyling e restyling. Il primo rebranding è avvenuto nel 1925: si tratta di un processo di rivitalizzazione del marchio grazie a cui viene reinventato e reimmesso nel mercato con una identità diversa. Dal 2011 ad oggi invece, l’azienda è intervenuta con lievi miglioramenti. In questo caso si tratta di operazioni di Restyling.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Instagram

Il marchio di Instagram è stato aggiornato nel 2016 poiché i fondatori ritenevano che quello vecchio non fosse più in grado di rappresentare quello che l’applicazione era diventata. 

Per il rebranding si è chiesto ad un campione di persone di disegnare in 5 secondi quello che ricordavano del logo Instagram. È emerso che gli elementi che le persone associavano al brand erano principalmente 3: l’arcobaleno, l’obiettivo e il mirino della camera. 

Per il nuovo marchio si è quindi deciso di mantenere questi elementi con un design molto più stilizzato e minimalista e si è scelto un colore che ricorda indubbiamente l’arcobaleno.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Microsoft

Nell'immagine vediamo l’evoluzione del marchio Microsoft. Anche in questo caso si passa da un marchio in bianco e nero ad uno a colori. Inoltre, appare evidente anche un sostanziale cambiamento nel font utilizzato, quello odierno è molto semplice e minimalista. 

Tutti i marchi devono essere sottoposti a processi di miglioramento e aggiornamento per far si che rimangano al passo con i tempi. Le strategie che prevedono queste modifiche prendono il nome di rebranding e restyling.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Fanta

L’evoluzione del marchio Fanta dal 1910 ad oggi. 

Come possiamo notare dall'immagine, inizialmente il marchio era in bianco e nero. Si tratta di una caratteristica comune a molti marchi datati ed è dovuta dal fatto che in passato il colore non aveva l’importanza che ha oggi. 

Se provi a fare mente locale però, ti accorgerai che oggi tutti i marchi sono associati almeno ad un colore poiché quest’ultimo rende il marchio più memorabile per il consumatore.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Lego

L'evoluzione del marchio lego nel corso del tempo. Anche in questo caso si passa da un marchio in bianco e nero ad uno a colori. Oggi infatti, tutti pensiamo a Lego quando vediamo uno sfondo rosso con scritta bianca in maiuscolo. 

Il brand rappresenta l’azienda sul mercato e pertanto è importante che venga sempre aggiornato e migliorato, sia per rimanere al passo con i tempi che per essere più memorabile.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

PlayStation

Il marchio di Play Station è cambiato molto negli anni, in particolar modo la parte grafica. Infatti, a differenza del font e dei colori che rimangono abbastanza invariati in tutte le edizioni, il simbolo ha subito grandi modifiche. 

Si tratta di strategie di rebranding e restyling, ovvero aggiornamenti e migliorie che vengono applicate al marchio al fine di tenerlo sempre al passo con i tempi.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

McDonald's

Il marchio McDonald’s è stato oggetto di vari aggiornamenti. Con l’aumentare della popolarità di questa catena di fast food si è deciso di modificare il marchio eliminando il nome scritto per esteso e lasciando solo la celebre “M”. 

Il colore di sfondo del marchio è stato modificato da rosso acceso a verde scuro per fare riferimento alla strategia di sostenibilità adottata recentemente dall'azienda.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Coca-Cola

Il celebre marchio della Coca-Cola fu creato con scarsa attenzione nel 1886 dal contabile dell’azienda che scelse di utilizzare un carattere che in quegli anni andava molto di moda in America e che in seguito lo modificò utilizzando il corsivo. 

Il marchio ha poi continuato a subire cambiamenti stilistici, ma nessuno se ne è mai accorto se non confrontando i diversi restyling.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nike

Ecco come Nike è riuscita ad aggiornare e migliorare il proprio marchio. Come si nota dall'immagine, l’azienda ha rimosso il nome esteso lasciando solo lo “svoosh”. Quest’ultimo infatti è talmente forte ed efficace che ormai l’azienda che lo usa non ha più nemmeno la necessità di associarvi il proprio nome. Questo simbolo è stato nominato “svoosh” poiché dovrebbe ricordare il movimento dell’aria di quando uno corre molto velocemente. 

Per rimanere sempre aggiornata e al passo con i tempi, l’azienda ha adottato strategie di restyling. 

Il restyling consiste in una modifica della grafica, dello stile o del font. Si tratta semplicemente di una miglioria che non prevede cambiamenti drastici.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Canon

Il brand è un elemento grafico molto importante in azienda perché consente di differenziare i prodotti e i servizi dalla concorrenza. 

È grazie all'utilizzo dei brand che i consumatori sono in grado di distinguere i prodotti di un’azienda da quelli di un’altra.

Sicuramente guardando questa immagine ti è subito affiorato alla mente un marchio. Questo accade perché i consumatori sono soliti memorizzare i marchi che vedono più spesso o più a lungo. Inoltre, grazie all'utilizzo dei colori, l’associazione diventa inequivocabile. 

Hai mai pensato a quanto la creazione di un brand potrebbe valorizzare la tua attività?
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Canon

Aggiornare e rinnovare l’immagine aziendale è molto importante. Le strategie che si propongono questo come obiettivo prendono il nome di rebranding e restyling. 

Nell'immagine che ti proponiamo oggi puoi vedere come il marchio Canon si sia evoluto nel tempo. Anche in questo caso si passa da un marchio in bianco e nero ad uno a colori. I colori infatti permettono di rendere il marchio più memorabile dai consumatori (che sono involontariamente spinti a fare delle associazioni).
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Rebranding marchi famosi

In questa immagine possiamo notare come siano cambiati alcuni marchi molto famosi. 

Infatti, per riuscire a trasmettere ai consumatori una buona immagine aziendale, i brand vengono sempre migliorati e svecchiati. 

Le strategie adottate a questo fine prendono il nome Il di rebranding e restyling
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Pay off marchi famosi

Il brand si compone di una parte grafica, un nome e un pay off. Se te lo stai chiedendo, il pay off è una frase che viene posta sotto al marchio e che permette di specificare l’identità dell’azienda. 

Questa frase viene utilizzata per specificare di che cosa si occupa l’azienda e permette ai consumatori di inquadrarla meglio, proprio per questi motivi è molto importante 

Nell'immagine vengono raffigurati alcuni brand con i loro pay off, leggendoli ti renderai sicuramente conto della loro efficacia.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Pay off Crodino

Riesci ad indovinare di che prodotto si tratta? Se sì, significa che l’azienda in questione è riuscita rendere efficace la comunicazione del suo prodotto, tanto da renderlo riconoscibile anche senza che appaia il marchio. 

Come ha potuto riscontrare mettendoti alla prova con questo indovinello, associare il brand ad un colore e definire un pay off semplice, orecchiabile e memorabile ti permetterà di rimanere impresso nella mente dei consumatori e di conseguenza di avere successo sul mercato.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Barilla

Tutte le aziende, indipendentemente dalla dimensione, dovrebbero sfruttare le festività per migliorare il loro rapporto con i clienti. Si tratta di real time marketing e consiste nella pubblicazione di post, di auguri ad esempio, utile a rimanere in contatto con i propri clienti. 

Questo è il post che ha creato Barilla per augurare un felice anno nuovo a tutti i suoi follower. Un’idea molto originale di rappresentare gli spaghetti.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Grom

Ecco come vede Grom la festa del papà. Un’immagine che potrebbe anche essere riutilizzata da qualche ragazzo per fare gli auguri al proprio papà. 

Un pensiero tanto semplice quanto originale.
Si tratta di real time marketing, un nuovo approccio delle aziende al mercato basato sull'instaurare interazioni in tempo reale.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

McDonald's

Ecco come vede McDonald’s la festa della mamma: due McNuggets che formano un cuore. Questo post è stato pubblicato sulla pagina ufficiale per fare un augurio a tutte le mamme. 

Si tratta di real time marketing e consiste nella pubblicazione di contenuti in tempo reale al fine di implementare il loro rapporto con i clienti attraverso interazioni in tempo reale.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Ceres

Questo post rappresenta un caso di real time marketing. Si tratta di una strategia utilizzata dalle aziende utile a instaurare una relazione con i clienti. Le aziende infatti sfruttano festività e eventi esterni per generare interazioni e traffico sulle proprie pagine social. 

Ceres è un brand molto esperto in questo tipo di comunicazioni e in diverse occasioni si è espresso con post divertenti. Nel caso in questione, in occasione dell’Epifania, ha modificato la nota frase “non bere se devi guidare”, sostituendo guidare con volare e facendo quindi allusione alla befana
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Rio Mare

Ecco un di comunicazione Rio Mare in occasione di Pasqua.

Nell'immagine utilizzata sono state disposte alcune scatolette di tonno in modo da formare un uovo sopra cui appare la scritta “Pasqua con chi vuoi, ma non senza di noi”. 

Questo è un esempio di real-time marketing, una strategia utilizzata dalle aziende che consiste nella pubblicazione di contenuti volti a generare traffico e aumentare la visibilità.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

McDonald's

Pubblicare post divertenti durante festività come Halloween è una strategia molto intelligente, infatti in questo modo le persone potrebbero scegliere di condividerli o semplicemente di mettere like. Questo permette all'azienda di incrementare la sua visibilità. 

L’immagine è un esempio di real time marketing, una pratica tanto innovativa quanto diffusa, che permette alle aziende di sfruttare festività e accadimenti a proprio favore, al fine di incrementare la propria visibilità.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Il trend "petaloso"

Il real-time marketing è un approccio adottato dalle aziende che permette di rispondere prontamente a eventi esterni per realizzare post “divertenti “ e generare condivisioni.

Vi ricordate “petaloso”? L’aggettivo inventato da un bimbo di 8 anni e successivamente approvato dall’Accademia della Crusca. Nel 2016 questa notizia ha avuto un grande successo e ha subito fatto il giro di tutti i telegiornali e social network. 

Molti brand ne hanno approfittato per creare contenuti di marketing.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Ceres

La NASA annuncia la scoperta di Kepler 452b, un pianeta gemello della terra, dove ci potrebbe anche essere l’acqua e quindi la vita. Ma subito l’azienda danese coglie l’occasione per mettere in mostra la propria birra, affermando: “Non basta che ci sia l’acqua perché ci sia vita”. Ci vuole la birra, ovviamente.

Si tratta di real-time marketing, una strategia che può dare ottimi risultati. Questo approccio si basa sulla capacità di rispondere con rapidità ad alcune notizie di attualità elaborando contenuti d’effetto.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Guzzini

Per Pasqua Guzzini ha pubblicato un post molto diventerete, una via di mezzo tra un’immagine simpatica e un gioco. Infatti, tutti coloro che si sono imbattuti in questo post avranno notato l’immagine del coniglietto, mentre invece coloro che si sono soffermati a leggere il post hanno accettato la sfida di riconoscere gli oggetti che lo compongono.

È un contenuto strutturato in modo molto intelligente e sicuramente un buono spunto creativo.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Nutella

Come tutti sanno il primo di aprile è la giornata degli scherzi. Negli ultimi anni però si è diffuso un nuovo trend: il pesce d’Aprile da parte delle aziende. 

Sono tantissimi i brand che hanno iniziato a prendere in giro bonariamente i propri clienti con immagini simpatiche. L’obiettivo è strappargli un sorriso e allo stesso tempo incrementare la propria notorietà. 

Ecco cosa ha fatto Nutella per il pesce di aprile qualche anno fa.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Oreo

Oggi i brand che sfruttano il real time marketing sono parecchi. Ma che cos’è? Si tratta di situazioni in cui i brand sfruttano i canali di comunicazione per aumentare la loro visibilità o, più semplicemente, per promuovere un determinato prodotto.

Voglio tornare su uno dei primi casi di real time marketing che risale al 2013. Il protagonista di questo evento è Oreo, la celebre marca americana di biscotti. 

Il 4 febbraio 2013 durante il Super Bowl si è verificato un black out che ha oscurato parte dello stadio causando una sospensione della partita per ben 34 minuti. Durante il black out è comparso sull’account Twitter di Oreo il seguente post: You can still dunk in the dark. Il verbo dunk fa assumere alla frase ha un duplice significato: “Puoi fare meta anche al buio” oppure “Puoi inzuppare i biscotti anche al buio”. Questo evento ha originato un enorme passa parola e ha generato al brand un notevole incremento di follower.

Grazie a questo Tweet Oreo ha ottenuto una grande visibilità, forse anche superiore ai brand che hanno pagato cifre esorbitanti per pubblicizzare i loro prodotti.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Camparisoda

Ecco l’idea di Camparisoda per festeggiare la giornata internazionale del bacio. 

Solitamente infatti nel Campari viene messa una fettina di arancia, ma per questa giornata speciale Campari consiglia un limone.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Tempo

Tempo, marchio di fazzoletti, che in occasione dell’uscita del nuovo singolo "Hello" della cantante Adele ha realizzato un astuto messaggio per sottolineare come l’utilizzo degli stessi fosse la soluzione all'emotività suscitata dalle canzoni dell’artista!
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Ceres

Real time marketing… E gli eventi negativi vanno sfruttati o no? La risposta è sì, ma con cautela! 

Bisogna sempre prestare attenzione nelle situazioni difficili, perché basta poco per fare una figuraccia. Un caso di successo è Ceres, azienda molto famosa per le sue campagne di real time marketing. Vediamo come è andata!

Nel 2015 in occasione della partita di Europa League, un gruppo di hooligan ha danneggiato la Barcaccia del Bernini a Roma e Ceres ha deciso di intervenire con grande maestria. Un post che inneggia alla moderazione e al rispetto delle cose. In questo modo il brand si è mostrato solidale con quanto avvenuto nella nostra città d’arte per eccellenza.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Oreo

Real-time marketing significa saper sfruttare I trend del momento a proprio favore ed è proprio ciò che moltissimi brand hanno fatto con Game of Thrones, il Trono di Spade. 

Sono sicuro che tu ne abbia sentito parlare almeno una volta... Numerose aziende in occasione dell’uscita dell’ottava stagione della serie televisiva più vista di sempre hanno pubblicato contenuti creativi e divertenti per sfruttare la sua notorietà.

Oreo ha addirittura lanciato sul mercato americano una special edition dei suoi biscotti. Il prodotto sfoggia un packaging speciale che ritrae il famosissimo trono e sopra di esso un biscotto (in posizione di vittoria). Inoltre, i biscotti hanno impresso sulle cialde gli stemmi delle casate della serie tv. È un’idea semplicemente geniale
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Heineken

San Valentino è un giorno importante per tutti i brand. Infatti tutte le aziende possono sfruttare il real time marketing, vale a dire pubblicare contenuti a tema per comunicare con i propri clienti. Si tratta di battute spiritose o immagini che riescano a strappare un sorriso, un “mi piace” o una condivisione.

Per conquistare la simpatia dei propri follower, Heineken ha rappresentato Cupido con il fumo uscente dalla bottiglia di birra ghiacciata.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

M&M's

In occasione della Milano Fashion Week M&M’s ha voluto pubblicare questo simpatico post in cui ricorda che M&M’s è sempre alla moda.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Anniversario Simpson

Per il 30 anni dei Simpson molti brand si sono sbizarriti online con immagini divertenti, come per esempio quelli di Garofalo e Buondì.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Fiat e Renault

L’obiettivo del real-time marketing non è solo far ridere gli utenti con post divertenti su avvenimenti reali. 

Ciò che è fondamentale che le persone finiscano sul tuo sito web o sui tuoi account social per generare seguito e aumentare la visibilità. Devi cercare sempre di diventare il protagonista di ciò che sta accadendo in quel momento. 

Vediamo il caso di Fiat, che in occasione della Festa del Perdono del 2016 ha pubblicato un post in cui appare una foto della 500 accompagnata da una scritta: “Scusa Twingo se sono unica”. L'avversaria non ha esitato un secondo a rispondere: “È vero 500, sei l’unica. A non avere 5 porte”. 

Questo è un caso di successo in cui Fiat è stata in grado di far divertire e, allo stesso tempo, spingere gli utenti a condividere i post.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Norwegian e Alitalia

Marketing in tempo reale, cogliere la palla al balzo per creare campagne pubblicitarie d’effetto. Il caso che vi mostriamo oggi risale al 23 settembre 2016, quando il divorzio tra Brad Pitte e Angelina Jolie è stato in grado di generare una campagna pubblicitaria molto divertente. Il botta e risposta tra Norwegian e Alitalia. 

Norwegian Air, una compagnia aerea norvegese ha sfruttato la notizia della separazione per pubblicare una serie di immagini offline. Su tutti i principali giornali è apparsa una pagina che mostrava un’offerta esclusiva per tutte le donne: “Brad Pitt è single! Los Angeles. Andata e ritorno, tasse incluse. 169£”. Norwegian Air invitava le sue clienti a prendere l’aereo con un super sconto per andare a Los Angeles alla conquista di Brad Pitt. 

Alitalia aveva prontamente risposto con un tweet rivolto ai clienti maschi: “Ragazzi, tutti a Los Angeles! Le ragazze le porta Norwegian. Acquistate subito su alitalia.com”.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Durex

Il real time marketing è un modo innovativo di fare marketing e prende spunto da eventi reali, interni o esterni all’azienda. Per svolgere campagne di real time marketing è importante tenersi sempre aggiornati su tutto ciò che accade e sulle tendenze del momento. L’importante è puntare sugli argomenti più gettonati e usare le parole giuste. 

Ad esempio possiamo ricordare il famoso caso di #thedress, è giallo e oro o blu e nero? Un fenomeno che ha fatto il giro del mondo e ha fatto esplodere il web. Un dibattito agguerrito per stabilire di che colore il vestito che appariva in una foto. Tutto è nato da una foto postata da una ragazza su Tumblr con la domanda: “ragazzi potete aiutarmi? Questo vestito è bianco e oro o blu e nero? Io e la mia amica non siamo d’accordo e stiamo impazzendo.”

I social media manager più avveduti non si sono lasciati scappare l’occasione e hanno iniziato le loro campagne di real-time marketing su The Dress.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Ikea

Gli eventi attorno a cui si concentra l’attenzione delle persone durante l’anno sono parecchi e molto variegati. Come farsi scappare l’occasione di pubblicare qualcosa sul royal weeding? 

Le campagne di marketing sul matrimonio tra il principe Harry e Meghan sono state molte e nella maggior parte dei casi erano già state programmate e pianificarle per tempo (infatti la notizia del loro matrimonio infatti circolava da tempo). 

Anche questo è un esempio di real-time marketing, perché sebbene pianificati in anticipo, i post sono stati pubblicati il giorno del matrimonio. Ikea, per esempio, ha puntato tutto sul nome di una sedia pubblicando un post che recita “Tranquilli, da noi Harry è ancora disponibile”. Con questo post Ikea è riuscita a catturare l’attenzione e far divertire una grande fetta di utenti
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

SNICKERS

Le partite di calcio generano sempre grandi ascolti, figuriamoci i mondiali! In occasioni come queste tutti i brand sono sull’attenti, pronti a sfruttare il momento per farsi pubblicità e generare consensi. Questa strategia prende il nome di real time marketing e consiste nello sfruttare eventi esterni all’azienda per arrivare ad un pubblico molto più ampio. 

Sono sicuro che ti ricorderai il morso di Suarez a Chiellini durante i mondiali in Brasile del 2014. Ecco l’esempio un'azienda che ha saputo sfruttare quest’evento realizzando post nel giro di pochissimi minuti dall’accadimento. 

SNICKERS ha deciso di ironizzare sull’accaduto con un post che diceva: “Hey, Louis Suarez, la prossima volta che ti viene fame, morsica uno SNICKERS".
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Ceres

Tutti i grandi brand includono nella loro strategia un piano di real-time che consiste nell’utilizzare i social media per comunicare con contenuti legati ad eventi attuali. 

L’eclissi, i pianeti e le scoperte scientifiche sono sempre stati uno spunto per molti brand che ci hanno stupito con contenuti molto creativi.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

L'Oscar di Leo

La notte degli Oscar è un evento molto acclamato e con un forte seguito sui social a livello mondiale. 

Ogni anno molti brand la seguono in diretta e si esprimono con immagini a tema molto divertenti. Un esempio famoso riguarda l'Oscar vinto da Leo.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!

Plasmon

Nell’era del digital marketing molte sono le aziende che ricorrono alla tecnica del real time marketing per farsi notare dal pubblico. Come fare? Bisogna parlare di un tema caldo, ovvero qualcosa che è appena accaduto e di cui tutti parlano.

Questo è quello che è accaduto dopo la gaffe fatta da Miss Italia 2015. Durante l’ultima puntata infatti Claudio Amendola le chiese in che epoca le sarebbe piaciuto vivere e la risposta fu: “Vorrei essere nata nel 1942, per vivere la Seconda Guerra Mondiale. Sui libri ci sono pagine e pagine, io volevo viverla per davvero, poi essendo donna non avrei nemmeno dovuto fare il militare”.

Questa riposta ha scatenato molte reazioni tra il pubblico e alcuni brand, tra cui Plasmon, hanno saputo cavalcare quest’onda proponendo alcuni post per sdrammatizzare sull’accaduto.
Leggi questo articolo per approfondire l'argomento >
Condividilo su Facebook!
In cosa siamo specializzati
Siti web professionali in grado di convertire visitatori in clienti reali.
Scopri di più >
Landing page, lo strumento per vendere prodotti e servizi online.
Scopri di più >
Posizionare brand e attività commerciali sui motori di ricerca.
Scopri di più >
Vuoi iniziare a ottenere risultati online?
Parlaci del tuo progetto
facebook-squareenvelope-squareapartment linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram